Quale è meglio scegliere Phosphogliv o Ursofalk?

Il ritmo intenso della vita di una persona moderna, lo squilibrio nelle modalità di lavoro e di riposo, i difetti nella dieta, le cattive abitudini spesso portano a problemi nel lavoro del corpo e anche il verificarsi di gravi malattie. Il fegato occupa una buona parte del carico, perché questo organo purifica il corpo dal corpo umano dalle scorie, neutralizza le sostanze pericolose, elabora le sostanze nutritive del cibo e svolge molte altre importanti funzioni.

Spesso, puoi risolvere il caso modificando il tuo stile di vita . È necessario smettere di fumare, abusare di alcool, condurre a dieta, normalizzare la composizione della dieta. È utile fare esercizio fisico. Se il corpo invia segnali allarmanti, ad esempio, dolori ricorrenti o una sensazione di pesantezza sotto le costole a destra, una sensazione di amarezza nella bocca o un esaurimento sistematico delle feci, vari disturbi digestivi, dovresti prontamente consultare uno specialista e ricevere consigli sul trattamento.

Ursofalk e Phosphogliv sono prescritti regolarmente. Entrambi sono usati per normalizzare la funzionalità epatica . Questi farmaci appartengono allo stesso gruppo farmaceutico: agenti epatoprotettivi, che significa "proteggere il fegato". Infatti, a parte la classificazione, niente più li unisce.

Phosphogliv (fosfolipidi + acido glicirrizinico)

Questo è un prodotto domestico sotto forma di capsule e un liofilizzato per preparare una soluzione. Confrontando con la serie sinonimo, può essere chiamato a prezzi accessibili.

Lo strumento appartiene al gruppo OTC (inglese), cioè, per la sua acquisizione non richiede la prescrizione del medico. Ci sono situazioni in cui l'automedicazione responsabile è appropriata. Ad esempio, una persona ha subito un lungo ciclo di antibiotico o abuso di alcol durante le vacanze o, essendo in viaggio d'affari, è stata costretta a mangiare in viaggio. In questi casi, concentrandosi sui dati disponibili pubblicamente e sulle raccomandazioni dello specialista della farmacia, il paziente può scegliere Phosphogliv per normalizzare la sua condizione senza recarsi in ospedale.

Le indicazioni cliniche sono le seguenti:

  1. Degenerazione epatica grassa.
  2. Danni al fegato tossici, droga o alcol.
  3. Nel complesso trattamento di epatite e cirrosi.

Indipendentemente dalla ragione d'uso, il regime di dosaggio di Phosphogliv è lo stesso: 2 capsule tre volte al giorno durante un pasto, un corso da 3 a 6 mesi . Non raccomandato per l'uso nei bambini fino a 12 anni, perché non è stato studiato in questo gruppo di pazienti.

Ursofalk (acido ursodesossicolico)

Qui la situazione è completamente diversa. Ursofalk appartiene ai farmaci Rx, il che significa solo farmaci prescritti dalle farmacie. Questo strumento è stato studiato in profondità e in dettaglio, molti studi clinici sono stati condotti su di esso. Phosphogliv, sfortunatamente, non può vantare un tale database di dati sperimentali. Pertanto, l'ambito Ursofalka molto più ampio.

Le indicazioni sono le seguenti:

  • Lisi di pietre di origine di colesterolo nella cistifellea.
  • Gastrite sullo sfondo di ipersecrezione e reflusso di bile nello stomaco.
  • Cirrosi sullo sfondo della violazione del funzionale dei dotti biliari.
  • La sconfitta del fegato è alcolica.
  • Discinesia biliare e altri.

Il farmaco è disponibile in capsule. L'imballaggio è variabile: 10, 50 o 100 capsule in un cartone. Inoltre, c'è una sospensione Ursofalk - è un agente liquido. Questa forma è conveniente da usare nei bambini - il farmaco non ha controindicazioni per l'età. La produzione è in Germania.

Il medico usa il regime di dosaggio e il dosaggio individualmente per ogni persona. Ciò è influenzato da molti fattori: la diagnosi accertata, la gravità della condizione, l'età e il peso del paziente e persino il sesso. In particolare, le donne in età fertile, il farmaco è prescritto, ha fornito un contraccettivo efficace.

Prima di iniziare la terapia, si raccomanda a una donna di fare un test per assicurarsi che non sia incinta. La ragione è che studi di laboratorio sugli animali hanno mostrato la probabilità di un effetto negativo dell'acido ursodesossicolico sul feto nel primo periodo.

I corsi di terapia con Ursofalk sono anche individuali, ma, di norma, sono lunghi: da 6 mesi a un anno, in un certo numero di stati - fino a 2 anni . I primi tre mesi, il medico consiglierà di dividere la dose prescritta in diverse dosi durante il giorno. Dopo che le prestazioni del laboratorio del paziente migliorano, il medico può consentire che l'intera dose giornaliera venga consumata alla sera.

La terapia con Ursofalk deve essere necessariamente sotto il controllo sistematico dello specialista osservatore.

È ragionevole confrontare?

Non è corretto cercare di confrontare questi farmaci nella stessa situazione. Ognuno di loro occuperà la sua nicchia di influenza terapeutica. In caso di violazioni lievi e moderate, la ricezione di Phosphogliv sarà appropriata e utile, in casi più gravi sarà necessaria la consultazione di un epatologo e la nomina di Ursofalk. Phosphogliv influenza in misura maggiore i processi metabolici nel fegato, aiuta a far fronte ai carichi, essendo una sorta di supporto. Ursofalk ha obiettivi specifici per l'azione.

Non ignorare la categoria delle vacanze. Se OTC Phosphogliv è disponibile gratuitamente in qualsiasi farmacia, Ursofalk richiede rigorosamente la prescrizione del medico. In linea di principio, esperimenti indipendenti con farmaci soggetti a prescrizione medica non sono sicuri.

Vale la pena notare che esiste un farmaco Phosphogliv Forte . I componenti della composizione in esso sono uguali a quelli normali, ma la loro dose è due volte più alta. Su questa base, è classificato come Rx e richiede la nomina di un medico.

Raccomandato

Smoking e tuta - come si differenziano?
2019
Qual è la differenza tra "Gazelle Next" e "Gazelle Business" e cosa scegliere
2019
Qual è la differenza tra il motore 124 serie e 126
2019