La storia e la storia: cosa è diverso e cosa è comune

La storia e la storia insieme al romanzo appartengono ai principali generi prosaici di finzione. Hanno caratteristiche di genere comuni e alcune caratteristiche distintive. Tuttavia, spesso i confini tra i generi della storia e la storia sono confusi, quindi spesso ci sono difficoltà con la definizione del genere. E anche i critici letterari esperti non sempre affrontano immediatamente questo compito.

La storia dello sviluppo della storia come genere

Questo genere deriva da antiche cronache e letteratura russe. La parola "storia" era usata per significare "la notizia di qualche evento". Questa parola indicava opere scritte in forma prosaica, non poetica. Hanno parlato degli eventi che si sono verificati in quel momento. Erano cronache, vite, cronache, romanzi militari. I nomi delle opere dell'antica prosa russa parlano eloquentemente di questo: "Il racconto degli anni passati", "Il racconto del reggimento di Igor", "Il racconto dell'invasione di Batu a Ryazan".

Più tardi, dal diciassettesimo secolo, rispondendo ai bisogni del tempo, apparvero storie sulla vita della gente comune, i laici - racconti secolari.

Era una storia secolare che era il principio fondamentale della storia, che fu sviluppata nella letteratura dei secoli XIX e XX e nella prosa moderna. Descrive il corso naturale della vita, spesso la dura realtà del tempo, al centro del quale è il destino del protagonista.

Nel diciannovesimo secolo, la storia diventa un genere preferito di famosi scrittori russi. A. Pushkin ("Supervisore stazionario"), N.Gogol ("Il soprabito") si rivolge a lei. Più tardi il genere della storia è sviluppato dagli scrittori della regia realistica: F. Dostoevskij, N. Turgenev, A. Cechov, L. Tolstoj, I. Bunin. Più tardi, in epoca sovietica, il genere fu sviluppato nelle opere di R. Pogodin, A. Gaidar, V. Astafyev. È interessante notare che la storia è l'eredità della letteratura russa. I generi di romanzo e romanzo si sviluppano nella letteratura straniera e la storia come genere è assente.

La storia della storia come un genere

Le origini del genere della storia derivano dalle opere del folklore: parabole, fiabe, orazioni. La storia, come una breve opera su un evento separato, un episodio della vita dell'eroe, si è formata molto più tardi della storia, attraversando alcune fasi e sviluppandosi in parallelo con altri generi narrativi.

Nel processo di rintracciare la mancanza di chiarezza nella distinzione tra i generi della storia e della storia. Quindi, A. Pushkin e N. Gogol preferivano il titolo "storia" per quelli delle loro opere, che potremmo definire una storia.

Dagli anni Cinquanta dell'Ottocento, una maggiore precisione è visibile nella designazione del genere della storia. In L. Tolstoy, le "Note del Marker" sono state nominate dall'autore come la storia, e "The Blizzard" - dalla storia, che corrisponde pienamente alla definizione del genere. Nella letteratura dei secoli XIX e XX, la storia è inferiore al primato della storia, che è più diffusa.

Caratteristiche della storia come un genere epico

La storia è un genere letterario prosaico. Non ha un volume sostenibile. Il suo volume è più grande della storia, ma significativamente inferiore al volume del romanzo. La narrazione è incentrata su diversi episodi importanti della vita del personaggio principale. È richiesta la presenza di attori secondari.

La composizione usa spesso ogni sorta di descrizioni (interni, paesaggi), divagazioni dell'autore, caratteristiche del ritratto. Una trama ramificata contenente trame aggiuntive è possibile. Il contenuto della storia è basato su materiale storico, eventi interessanti della vita umana, meno spesso immaginari, fantasia.

Caratteristiche della storia come un genere epico

La storia è un piccolo pezzo epico. La narrazione è dinamica, dedicata a un importante evento interessante nella vita dell'autore o di un eroe immaginario. La composizione è intensa. Nella storia, l'unica trama, senza trame aggiuntive.

Con una quantità relativamente limitata di uso limitato da parte dell'autore dei mezzi artistici. Pertanto, viene dato un grande ruolo ai dettagli artistici espressivi. Una narrazione di un evento viene spesso presentata come una narrativa in prima persona. Questo può essere il personaggio principale o l'autore stesso.

Cosa è comune nella storia e nella storia

  • Entrambi i generi sono prosa.
  • In confronto con il romanzo hanno una piccola quantità.
  • C'è un personaggio principale, vicino al quale si concentra l'azione.
  • Sia la storia che la storia possono essere quotidiane, fantastiche, storiche, avventurose.

La differenza tra la storia e la storia

  • La dimensione della storia non è costante e può arrivare a diverse centinaia di pagine, e una storia è dozzine di pagine.
  • La storia è caratterizzata da una mancanza di intrighi. Il suo contenuto rivela periodi attendibili della vita dell'eroe. E nella storia descrive uno o più casi della vita del personaggio principale.
  • Una trama chiara e dinamica è caratteristica della storia. Narrazione lenta e fluida: una caratteristica della storia.
  • Altre trame intrecciate con il principale: una caratteristica della storia. Nella storia la trama è una.
  • L'autore della storia tende alla verità storica e fattuale. La storia è autentica finzione.
  • Ci sono trucchi intrinseci che rallentano l'azione: descrizioni, schizzi di ritratto, digressioni liriche. Nella storia, questo è assente e il dettaglio artistico ha un ruolo.
  • In contrasto con la storia nella storia di un eroe, non c'è background, che ti permette di tracciare lo sviluppo del personaggio.
  • Non ci sono analogie della storia in altre letterature, la storia ha analogie simili.

Raccomandato

Cosa è meglio prendere loperamide o levomicetina?
2019
Quale lavatrice affidabile è meglio acquistare Atlant o Indesit
2019
Ciò che distingue il Nuovo Testamento, l'Antico Testamento e il Vangelo
2019