Ciò che distingue il principe dal re: una descrizione e le principali differenze

La storia richiede attenzione ai dettagli e una conoscenza accurata dei termini, poiché a volte concetti simili possono avere una differenza sottile, ma fondamentale. Queste sono le designazioni dei titoli delle prime persone dello stato. Dal nome del sovrano dipendeva dalla sua percezione non solo dei suoi sudditi, ma anche all'estero, quindi è importante capire perché è stata usata questa o quella parola. Ci sono due titoli che causano domande quando vengono usati - questo è il principe e il re.

Principe: il capo della famiglia e l'aristocratico

Il principe è il più antico titolo russo, il cui significato ha subito cambiamenti in tutta la storia della Russia. La parola apparve tra le tribù slave dell'est e fu registrata nei primi annali della Russia antica. Veniva dall'antica lingua germanica, che suonava come kuning e significava il maggiore del clan. Nella lingua russa, come risultato del processo linguistico chiamato palatalizzazione, il suono "g" è stato sostituito da "z" e una forma russa è stata formata - "principe" (il suono originale è stato conservato nella versione femminile - "principessa"). Il significato rimase lo stesso: i capi del clan, che svolgevano funzioni militari, giudiziarie e amministrative, erano chiamati principi.

Il principe era legato a terra, "sedeva sul trono" nella sua città, raccoglieva tributi e manteneva la squadra, e in cambio difendeva gli abitanti e manteneva l'ordine. La sfera di influenza di un certo principe potrebbe espandersi e quindi, per mantenere il controllo sui nuovi territori, il principe mandò dei figli lì. Il capo di un grande principato, prima di tutto, di Kiev, era chiamato non solo un principe, ma un "grande", e gli altri erano chiamati specifici.

Il potere del principe potrebbe essere limitato ai boiardi o ai veche e potrebbe essere quasi il solo potere. I poteri principeschi erano diversi in diverse terre della Russia, ma durante l'invasione dei Tatar-Mongoli, scompaiono, mentre i khan iniziano a essere nominati in tutti i principi, a loro piacimento.

Dopo l'unificazione di principati separati attorno a Mosca e la liberazione di invasori, il titolo di Granduca fu infine assegnato al Principe di Mosca. Tuttavia, l'emergere di un forte stato unito richiedeva un nuovo nome, così Ivan IV il Terribile decide di prendere il titolo di re nel 1574, ma allo stesso tempo mantiene il titolo di Granduca: "re" dimostra il suo status e il controllo "principe" su alcune terre.

Ivan il Terribile

Il nuovo titolo distingue ulteriormente il sovrano di Mosca da altri principi, dei quali ce ne furono parecchi tra i boiardi. Per diversi secoli di esistenza, la famiglia regnante principesca di Rurikovich era ricoperta di rami laterali, legati al re da una parentela di vari gradi di vicinanza, tra i quali c'erano molti noti cognomi (Gorchakov, Volkonsky, Dashkov, Vyazemsky, ecc.). Il titolo principesco era generico e fu ereditato, e solo all'inizio del XVIII secolo, su iniziativa di Pietro I, cominciò a lamentarsi di meriti speciali. Composto per i principi includono, ad esempio, il genere Menshikovs, Lopukhins, Golenishchev-Kutuzovs.

Anche il titolo "Granduca" fu conservato, ma ora fu ricevuto solo dai figli del monarca regnante, che aveva il diritto al trono, ei loro nipoti recavano il titolo di "principe del sangue imperiale".

Granduca Nikolai Nikolaevich il Vecchio

Al momento, il titolo di principe rimane in uso: i discendenti emigrati dei principi russi e membri delle dinastie al potere all'estero lo mantennero.

Re: da Cesare all'imperatore

Come già scritto sopra, il titolo di zar apparve tra i governanti russi solo nella metà del XVI secolo e fu il principale e mezzo secolo. La parola "re" risale al nome latino Caesar (Cesare), che è diventato un nome comune e ha sottolineato la continuità del potere imperiale a Roma. La parola cominciò a denotare il sovrano nel territorio dell'ex impero romano, e poi, trasformandosi in russo, si trasformò in un "re".

Nella tradizione del libro russo, questa parola denotava gli antichi sovrani biblici, per esempio, David e Salomone, e nella realtà storica - imperatori bizantini. Quindi, lo stato di questo titolo era molto alto. L'adozione del titolo del re rivendicò l'esclusiva autorità del sovrano russo, e lo mise anche alla pari con gli imperatori bizantini e con i re europei.

Il titolo fu approvato dal patriarca bizantino e divenne ufficiale, ma rimase tale per un breve periodo: nel 1721 Pietro I decise di elevare il suo status adottando il titolo di imperatore. Ma fu proprio la parola "re" che rimase nella memoria del popolo: il semplice popolo chiamava il sovrano, divenne il detto, e ancora, denotando il periodo della dinastia dei Romanov, non è chiamato il regime "imperiale", ma il regime "reale".

Principe e Re: il comune e il diverso

Quindi, entrambe le parole designano titoli russi relativi al periodo fino al New Age, entrambe le parole hanno un'origine di lingua straniera, ma sono saldamente incluse nella lingua russa e si trovano sia nella letteratura della Russia antica che nel linguaggio moderno. Esistono le seguenti differenze:

  1. Nella gerarchia : un principe è il capo di un clan, o di una piccola associazione amministrativa, il re è un autocrate, il governante di un grande stato, unendo nella sua persona tutto il potere. Ci sono tante differenze tra un principe e un re come c'è oggi tra un governatore e un presidente. Il titolo di re è sempre più alto nella gerarchia.
  2. In una lingua straniera: gli stranieri traducono "principe" come principe (principe) e "grand prince" come granduca (granduca), entrambe le parole si riferiscono all'aristocrazia, ma non alla prima persona dello stato. E il re (zar) nella traduzione corrisponde al re e all'imperatore.
  3. Nella società : il titolo di principe esisteva in tutta la storia russa, ma denotava sempre un'intera classe di persone (parenti del granduca, dell'aristocrazia, dei nobili), e può esserci un solo re.
  4. Nella cultura : l'immagine del re divenne fondamentale per la cultura russa. Sebbene questo titolo fosse fondamentale per il sovrano russo di mezzo secolo, fu lui che cominciò a denotare al popolo l'immagine di un'autorità giusta per tutti i tempi, l'immagine di un principe - questo è un fenomeno di scala popolare, ma non generale culturale.

Raccomandato

Qual è la differenza tra tessuto epiteliale e tessuto connettivo: descrizione e differenze
2019
Cosa c'è di meglio UAZ Hunter o Patriot: confronto e caratteristiche
2019
Quale tè di Ivan è meglio fermentato o non fermentato?
2019