In che modo il riflesso condizionato differisce da incondizionato?

Un tale fenomeno come riflesso cominciò a essere studiato in epoca rinascimentale da René Descartes e William Garvey, che aderirono alla visione del mondo del determinismo materialista (condizionalità e co-causalità), incluso il corpo e l'anima umana. Cartesio credeva che alcuni meccanismi (esterni e interni) controllassero tutto il corpo e che Harvey mettesse in pratica queste conoscenze, gettando le basi per l'attività del sistema circolatorio. Cartesio cercò persino di descrivere il sistema nervoso centrale in termini di una macchina meccanica. Ha sostenuto che i "tubi nervosi", che si estendono su tutto il corpo ai muscoli e agli organi, e aiutano a controllare il corpo, si allontanano dal cervello umano.

Ma la vera svolta nello studio dei riflessi, naturalmente, appartiene a Sechenov e Pavlov, che furono i primi nel loro genere a pensare alla possibilità della relazione degli aspetti fisiologici e mentali di ogni attività.

Pavlov ha scritto un lavoro sull'attività nervosa superiore, è diventato l'antenato della teoria dei riflessi condizionati e incondizionati negli animali e nelle persone, e ha anche sviluppato una serie di esperimenti per dimostrare la presenza di riflessi. Vale la pena notare che entrambi i riflessi condizionati e incondizionati sono lo stesso processo fisiologico nella loro essenza, ma i loro meccanismi sono diversi, da cui derivano differenze significative.

Riflessi incondizionati

I riflessi incondizionati sono riflessi ereditati da noi "per ereditarietà", vale a dire. geneticamente programmato . Sono invariati e si manifestano sempre in un certo modo sotto una certa influenza dell'ambiente interno o esterno. Le funzioni principali dei riflessi incondizionati - è la protezione e l'adattamento del corpo.

Un esempio di un riflesso protettivo incondizionato potrebbe essere uno sbadiglio . Quando la temperatura corporea aumenta o il cervello manca di ossigeno, un riflesso protettivo incondizionato funziona - i muscoli del diaframma, dei polmoni, della laringe e dell'apparato articolatorio sono stimolati - e la persona sta sbadigliando. Il riflesso adattativo non condizionato mantiene la costanza dell'ambiente interno (omeostasi) in determinate condizioni ambientali, ad esempio durante i cambiamenti di temperatura, l'aumento / diminuzione della pressione atmosferica, ecc.

I concetti di riflesso incondizionato e istinto sono strettamente correlati, perché i riflessi incondizionati assicurano il funzionamento degli istinti umani fondamentali (l'istinto di autoconservazione, l'istinto della riproduzione, ecc.).

Riflessi condizionati

I riflessi condizionati sono riflessi acquisiti durante la vita di un individuo. Non possono essere riparati geneticamente o ereditati dalla prole - sono strettamente individuali. Sorgono in relazione a determinate circostanze e "svaniscono" quando spariscono.

Per esempio, la salivazione alla vista di cibi deliziosi, o se una persona viene ricordata ai limoni, aumenterà anche la salivazione. Questi riflessi sorgono e scompaiono a seconda delle esigenze e dei requisiti della persona. Per la formazione di un riflesso condizionato, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni importanti:

  1. La presenza di almeno due stimoli (incondizionato e neutro).
  2. L'eccitazione derivante dallo stimolo incondizionato deve essere più forte dell'eccitazione dal neutro.
  3. La combinazione di stimoli deve essere ripetuta più volte.
  4. In primo luogo, dovrebbe esserci uno stimolo condizionato, e solo allora uno incondizionato.
  5. La motivazione dovrebbe essere coinvolta.

somiglianze

  • Sia quelli che altri riflessi sono regolati dalla sfera psico-fisiologica del corpo umano.
  • Entrambi i riflessi condizionati e incondizionati sono costruiti sul lavoro dell'arco riflesso, che consiste in uno stimolo (quel fattore ambientale che colpisce il corpo), un recettore che riceve lo stimolo, un neurone del sistema nervoso centrale e, infine, un effettore o organo (muscolo, muscolo), stimolo reattivo. L'ultimo anello della catena è la reazione del corpo;
  • Entrambi i tipi di riflessi sono suddivisi nelle seguenti categorie (sottotipi): per tipo di recettore recettore (pelle, olfattivo, visivo, introcipale, tendineo, ecc.), Per effettori, per significato biologico (protettivo, digestivo, approssimativo, sessuale), per natura effetti sul corpo (eccitabili o inibitori), dalla complessità dell'organizzazione della struttura dell'arco riflesso (monosinaptico o polisinaptico), dalla posizione a malapena (riflessi spinali o riflessi cerebrali).

differenze

  1. I riflessi incondizionati sono innati e vengono acquisiti i riflessi condizionati.
  2. I riflessi incondizionati appartengono all'intera specie di individui, ei riflessi condizionati sono strettamente individuali per ogni individuo.
  3. Riflessi incondizionati accompagnano una persona per tutta la vita, e quelli condizionati possono quindi apparire e scomparire.
  4. I centri che controllano i riflessi condizionati si trovano nelle parti più profonde e più antiche del cervello: il midollo spinale, i nuclei subcorticali, il tronco cerebrale. La regolazione dei riflessi condizionati viene effettuata utilizzando la corteccia cerebrale;
  5. Riflessi incondizionati si verificano durante la stimolazione di un campo recettore rigorosamente definito, mentre i riflessi condizionati possono verificarsi durante la stimolazione di qualsiasi campo recettore.
  6. Vale anche la pena di dire che i riflessi condizionati svolgono fondamentalmente la funzione di segnale, cioè avvertono il corpo di un possibile stimolo che dovrà sperimentare. I riflessi incondizionati rispondono solo a uno stimolo già attivo.
  7. I riflessi e gli istinti incondizionati sono correlati all'attività nervosa più bassa e i riflessi condizionati si riferiscono all'attività nervosa più elevata, vale a dire regolato dalla corteccia cerebrale.

Raccomandato

Come il dipartimento si differenzia dalla gestione - le principali differenze
2019
"Ethoxidol" e "Mexidol": qual è la differenza e quale è meglio?
2019
Qual è la differenza tra leggings e leggings: caratteristiche e differenze
2019